Categorie Urbanizzazione

Come il “Creative Placemaking” può trasformare le nostre società

City, Person, Walking, placemaking creativo

Dalla Rivoluzione industriale, le esigenze spaziali e architettoniche delle nostre società si sono evolute rapidamente. Con il passaggio dall’economia agraria a quella industriale e dagli stili di vita rurali a quelli urbani, è emersa la richiesta di nuovi tipi di spazi per soddisfare le mutate esigenze di lavoro, di vita e di svago.

Per esempio, la nascita delle fabbriche ha richiesto la creazione di grandi spazi aperti per ospitare i macchinari e i lavoratori. Questi spazi spesso davano la priorità al design utilitaristico, privilegiando l’efficienza e la produttività rispetto all’estetica. Allo stesso modo, l’aumento della produzione industriale ha comportato la necessità di nuove infrastrutture di trasporto per collegare città, persone e merci.

D’altra parte, con il decollo della globalizzazione e l’ingresso nell’era della “economia senza peso” dell’Industria 4.0, l’organizzazione spaziale delle società si trasforma ancora una volta. Di conseguenza, molti edifici e strutture che un tempo ospitavano enormi complessi industriali, infrastrutture o spazi pubblici hanno esaurito i loro scopi originari.

Anche se il periodo d’oro di questi progetti architettonici potrebbe sembrare finito, possono ancora dare un contributo produttivo alla vita pubblica?

Secondo il concetto di creative placemaking, la risposta è un secco sì.

Che cos’è il placemaking creativo?

placemaking creativo

Il placemaking creativo è un processo collaborativo che sfrutta il potere trasformativo delle arti e della cultura per dare forma a comunità vivaci e vivibili. Si tratta di un approccio guidato dalla comunità che coinvolge una serie di soggetti interessati, tra cui artisti, membri della comunità, progettisti, designer, imprese e funzionari pubblici.

Integrando le arti e la cultura nella pianificazione e nella progettazione delle nostre comunità, è possibile creare spazi non solo belli e coinvolgenti, ma anche resilienti, inclusivi e vivaci.

Quali sono i vantaggi del placemaking creativo?

Il placemaking creativo ha un’ampia gamma di benefici economici, sociali, culturali, ambientali e persino sanitari per le comunità.

  • Promuovere lo sviluppo economico: attirando nuove imprese e visitatori, il placemaking creativo può contribuire a rivitalizzare i quartieri e a creare posti di lavoro.
  • Migliorare la coesione sociale: la creazione di luoghi creativi può offrire a persone di diversa provenienza l’opportunità di incontrarsi e interagire, rafforzando il senso di comunità.
  • Migliorare la qualità ambientale: il placemaking creativo può essere utilizzato per creare spazi più sostenibili e rispettosi dell’ambiente.
  • Promuovere la salute fisica e mentale: la creazione di luoghi creativi può offrire opportunità di espressione creativa, che possono avere un impatto positivo sulla salute fisica e mentale.

4 esempi di successo di placemaking creativo

  • Tempelhof Feld – Berlino, Germania

Un tempo simbolo del passato tumultuoso di Berlino, l’ex aeroporto militare di Tempelhof è stato reinventato come una vasta oasi verde, che offre spazi ricreativi per gli appassionati di sport, gli amanti della natura e le famiglie. I campi aperti, i parchi giochi e i sentieri del parco sono diventati una meta amata dai berlinesi. Questo favorisce un senso di comunità e di connessione nel paesaggio urbano della città.

  • 798 Art Zone – Pechino, Cina

Questo ex complesso industriale della capitale cinese è stato trasformato in un vivace centro d’arte contemporanea. Questo luogo attira artisti, appassionati d’arte e turisti da tutto il mondo. Il quartiere ospita oltre 400 gallerie d’arte, studi e negozi di design, oltre a numerosi caffè, ristoranti e bar.

  • La High Line – New York City, USA

La High Line è un parco pubblico costruito su una storica linea ferroviaria merci sopraelevata rispetto alle strade del West Side di Manhattan. È una popolare destinazione turistica ed è stato accreditato per aver rivitalizzato i quartieri circostanti. Il parco è noto per il suo verde lussureggiante, le installazioni artistiche e la splendida vista sulla Grande Mela.

  • La Boca – Buenos Aires, Argentina

Il quartiere La Boca della capitale argentina, un tempo area portuale trascurata e baraccopoli, è stato trasformato in una destinazione turistica colorata e vivace grazie a progetti creativi di placemaking. Le milonghe di tango, l’arte di strada e l’architettura tradizionale del quartiere attirano visitatori da tutto il mondo.

Lisa Cruciani

Lisa Cruciani

Managing Editor del blog italiano di dormakaba e Responsible Communication per dormakaba Italia.