Cerca
Close this search box.
Flag
Logo, Leisure Activities, Person
Flag

Cos’è il riconoscimento facciale e come funziona?

Electronics, Phone, Outdoors

Abbiamo fatto molta strada da quando abbiamo suonato il campanello o anche solo avevamo bisogno delle chiavi per entrare nelle nostre case, uffici ed edifici. La tecnologia ci ha fornito applicazioni per smartphone, scanner per dita e key card. E ora il riconoscimento facciale rende l’accesso ancora più comodo e sicuro. Ciononostante, ci sono ancora molti misteri e idee sbagliate sul riconoscimento automatico del volto, uno dei più importanti passi avanti nella tecnologia del controllo accessi.

Block

Ci sono molte varianti delle tecnologie di riconoscimento del volto, telecamere e scanner. L’evoluzione del riconoscimento facciale avviene rapidamente e questo crea sia vantaggi che sfide nell’affidarsi alle tecnologie di identificazione biometrica.

Ecco uno sguardo nei principi del riconoscimento facciale, dove si trova ora e cosa ci aspetta dietro l’angolo.

Come funziona il riconoscimento facciale

Riconoscimento facciale

“Il riconoscimento facciale è iniziato seriamente circa venticinque anni fa”, spiega Anil Jain, esperto di riconoscimento biometrico e illustre professore di informatica alla Michigan State University. “Ma le prestazioni dei primi sistemi di riconoscimento facciale automatizzati erano piuttosto scarse”, continua. “Anche quando confrontavamo le foto segnaletiche o le foto della patente di guida in condizioni controllate, la precisione del sistema era ancora molto bassa”.
Il Prof. Jain si riferisce ad alcuni dei pionieri della ricerca e della tecnologia del riconoscimento facciale negli anni ’60. Al professor Woody Bledsoe viene spesso attribuito il merito di aver portato il tema alla ribalta creando i primi sistemi di mappatura facciale.

Il software di riconoscimento facciale di oggi è anni luce avanti rispetto al lavoro del Prof. Bledsoe. La verifica dell’identità tramite il riconoscimento facciale richiede ora solo pochi secondi. E con livelli di precisione sempre maggiori.

“Siamo arrivati al 99 per cento di precisione quando gli utenti si trovano in ambienti ristretti e seguono le istruzioni”, dice il Prof. Jain. “La sfida è diventata in condizioni non vincolate, dove non è possibile comandare o controllare direttamente le espressioni delle persone”.

La tecnologia ha quasi superato l’ostacolo delle condizioni di vita sfrenate. Gli smartphone più recenti non chiedono agli utenti di “sorridere” o di “guardare nella telecamera”. Questo perché il software costruisce un modello unico dei volti degli utenti fin dall’inizio.
Per creare questi modelli unici per ogni utente, le immagini vengono scattate da più angolazioni. Questo processo si chiama iscrizione e assicura che il volto di un utente possa essere riconosciuto in qualsiasi circostanza.
Sia che le persone stiano all’aperto, abbiano nuovi occhiali o si siano fatte crescere la barba, il riconoscimento facciale oggi è raramente sbagliato. E per la maggior parte, migliora la comodità e la sicurezza. Nonostante i continui dibattiti etici, il futuro del riconoscimento facciale appare luminoso e promettente.

Le sfide del riconoscimento dei volti

Il mercato del riconoscimento facciale dovrebbe crescere da 3,2 miliardi di dollari nel 2019 a circa 7,0 miliardi di dollari entro il 2024. Ma alcuni dei principali ostacoli lungo il percorso includono la privacy degli utenti, la sicurezza dei dati e persino il razzismo.

Ad esempio, il National Institute of Standards and Technology (NIST) ha recentemente scoperto che il software di riconoscimento facciale ha una precisione inferiore per quanto riguarda determinate razze e tonalità della pelle. Era più difficile identificare con precisione gli asiatici e le donne afroamericane che avevano tassi più elevati di falsi positivi.

Ci sono anche problemi di sicurezza dei dati e di privacy attorno ai quali le immagini possono essere legalmente utilizzate per costruire modelli di riconoscimento facciale. Con l’aumento dell’attività online e la prevalenza di telecamere, le aziende o i governi possono facilmente costruire un modello facciale 3D di persone senza conoscenza o consenso.

Sareste contenti se i vostri dati facciali venissero utilizzati da un’azienda o da un governo senza il vostro consenso? Ad esempio, la legge sulla privacy biometrica dell’Illinois rende illegale scattare foto senza consenso.

Prof. Anil Jain, Michigan State University.

I sistemi di riconoscimento facciale di domani potrebbero aiutare a tenere lontani i criminali conosciuti dalle scuole o a favorire una maggiore integrazione con gli edifici e le case intelligenti. Le transazioni bancarie o l’ingresso in un aeroporto possono avvenire in modo sicuro in pochi secondi. Jain prevede che l’apprendimento automatico avrà un ruolo importante, adattandosi all’invecchiamento degli utenti nel tempo.

Per fortuna, i governi e le industrie private stanno lavorando fianco a fianco per trovare soluzioni che rispondano alle preoccupazioni dell’opinione pubblica sul riconoscimento facciale. Si tratta di una tecnologia che è certamente qui per rimanere.

Related articles