Cerca
Close this search box.
Flag
Logo, Leisure Activities, Person
Flag

Instagram sta cambiando l’architettura?

Dalla sua nascita nel 2010, Instagram è emersa rapidamente come l’applicazione mobile più generazionale e di tendenza. Con oltre 2 miliardi di utenti mensili all’inizio del 2023, la piattaforma social di condivisione foto ha avuto un impatto profondo su tutto. Ha influito, infatti, sul modo in cui le aziende operano e commercializzano i loro prodotti ma anche sul nostro senso estetico.

I contenuti che condividiamo o consumiamo su Instagram fanno già parte della nostra coscienza comune. Oggi il Cambridge Dictionary descrive la parola “instagrammable” come “abbastanza attraente o interessante da essere fotografato e postato sui social”.

Con la crescita della penetrazione del mercato e l’influenza di Instagram, soprattutto i settori in cui la componenti visiva è centrale, come quello del turismo, della moda, delle arti o dell’intrattenimento, hanno inevitabilmente cercato di diventare più instagrammabili. L’architettura, una delle più antiche forme di arte visiva, non fa eccezione.

Una piattaforma per designer emergenti

L’architettura è un campo in cui è notoriamente difficile per i giovani professionisti affermarsi e farsi strada. Date le sfide del settore edilizio e del design, come quella della sostenibilità, tutti i nuovi approcci e le innovazioni sono preziosi e necessari. Tuttavia, non è sempre facile per i professionisti emergenti avere le reti e l’accesso per dar visibilità al loro lavoro.

Instagram offre ad architetti e designer una piattaforma per mostrare il proprio lavoro a un vasto pubblico. Attraverso hashtag, geotagging e altre funzioni, Instagram ha reso più facile per architetti e designer connettersi con clienti, collaboratori e fan di tutto il mondo. Nel 2018, Arch Daily ha definito Instagram “il nuovo strumento più importante per gli architetti”.

Oltre a promuovere il proprio lavoro, architetti e designer utilizzano Instagram come fonte di ispirazione. Possono vedere gli ultimi progetti, nuovi metodi di costruzione e materiali di altri professionisti del settore, che possono influenzare – e probabilmente migliorare – il loro modo di lavorare.

Un senso globale dell’estetica

Mentre le masse stanno sviluppando una valutazione molto più sfumata di ciò che è “instagrammabile” o meno, Instagram ha anche cambiato il modo in cui le persone pensano all’architettura e al design.

Nell’era pre-digitale, per i dilettanti e gli appassionati, coltivare la conoscenza dell’architettura poteva essere possibile solo per chi poteva viaggiare in tutto il mondo o aveva accesso a libri, enciclopedie o corsi costosi.

Instagram ha reso questi campi più accessibili a un pubblico più vasto, permettendo alle persone di vedere edifici e progetti degni di nota a livello globale. Ciò ha contribuito ad aumentare la consapevolezza dell’importanza del buon design e ha incoraggiato le persone a pensare in modo più critico all’ambiente costruito.

Innovazione del design per la “cultura del selfie”

Grazie alla nascita di un amore condiviso a livello globale per la condivisione di foto, molti edifici iconici – soprattutto negli ultimi anni – sono stati progettati o modificati pensando alla cultura di Instagram e dei selfie.

Per esempio, il Museum of Ice Cream di New York presenta una serie di installazioni colorate e originali progettate proprio per scattare foto per Instagram. L’iconico Empire State Building, sempre a New York, è stato recentemente rinnovato per rendere più facile ai visitatori scattare selfie.

Alcuni designer hanno portato la sfida a un livello letterale. La Cornice di Dubai, alta 150 metri e larga 93 metri, è la cornice più grande del mondo, verificata dal Guinness World Records.

Sebbene un edificio “selfie-friendly” possa non essere una priorità architettonica per tutti, Instagram ha comunque incoraggiato la creatività e l’innovazione nel nostro ambiente costruito, invitando le masse a sperimentare e godere degli edifici in un modo nuovo.

Il futuro del design è inclusivo e coraggioso

A patto che la qualità non venga compromessa in nome dell’instagrammabilità, il servizio di visual networking più popolare al mondo ha un grande potenziale per rendere l’architettura più accessibile e sociale, e forse anche più giocosa e divertente.

Anche se Instagram non è uno strumento di progettazione o di formazione, sta cambiando il modo in cui le persone pensano e si confrontano con l’architettura e il design. Non c’è dubbio che Instagram stia giocando un ruolo nel plasmare il futuro di questi settori.

Related articles