Categorie Uncategorized

Un anno in rassegna: i 5 principali progetti architettonici del 2023

L’anno 2023 è stato testimone di una serie dinamica di sviluppi culturali che hanno rimodellato le norme sociali e sfidato le narrazioni tradizionali, e il campo dell’architettura non ha fatto eccezione.

Nel 2023, mentre la sostenibilità, l’inclusione e la conservazione culturale hanno assunto un ruolo più che mai centrale nell’architettura, abbiamo assistito a un’ondata di genialità architettonica, con progetti rivoluzionari presentati in tutto il mondo.

I seguenti cinque progetti architettonici hanno tutti aperto (o riaperto) le porte al pubblico nel 2023 e hanno fatto scalpore nel mondo del design e dell’estetica.

I cinque migliori progetti architettonici del 2023 sottolineano il potenziale trasformativo dell’architettura, non solo nel plasmare gli spazi fisici, ma anche nel promuovere il progresso sociale, la cultura, la conservazione del patrimonio e la tutela dell’ambiente.

Il Grande Museo Egizio di Giza, Egitto

Il Grand Egyptian Museum (GEM) di Giza, in Egitto, è un monumentale punto di riferimento architettonico che incarna la grandezza dell’antico Egitto e allo stesso tempo mette in mostra i principi del design contemporaneo. Progettata dallo studio irlandese Heneghan Peng Architects, l’architettura del museo si fonde perfettamente con l’ambiente circostante, rendendo omaggio alle iconiche piramidi e stabilendo al contempo una propria identità unica.

Il progetto del museo si ispira alla forma inclinata delle antiche piramidi, creando un senso di continuità e riverenza per la ricca storia dell’Egitto. L’esterno dell’edificio è rivestito di pannelli traslucidi di alabastro, che permettono alla luce naturale di filtrare e illuminare gli spazi interni. Questo gioco di luci e ombre crea un senso di meraviglia e stupore, riecheggiando l’aura enigmatica dell’antico Egitto.

Piramide di Tirana a Tirana, Albania

L’Egitto non è stato l’unico Paese al mondo a intraprendere un progetto architettonico legato alle piramidi nel 2023. La Piramide di Tirana in Albania, costruita originariamente negli anni ’80 come monumento al dittatore albanese Enver Hoxha, è stata sottoposta a una massiccia ristrutturazione da parte della società di architettura olandese MRDVR.

La rivitalizzata Piramide di Tirana presenta caratteristiche architettoniche che la integrano più armoniosamente nel tessuto urbano della città e ne migliorano la funzionalità come polo culturale. L’interno dell’edificio è stato riorganizzato per ospitare gallerie d’arte, uffici e spazi per eventi, mentre l’esterno è stato sottilmente modificato per ammorbidire la sua forma monolitica, pur mantenendo l’estetica brutalista originale.

Grattacielo a spirale a New York, USA

Svettante nel vivace paesaggio urbano di New York, il grattacielo Spiral è un’affascinante meraviglia architettonica, progettata dal rinomato studio di architettura danese BIG. L’esclusiva forma a doppia elica della torre non solo ridefinisce lo skyline, ma incarna anche i principi di sostenibilità e connettività.

Il design della Spirale si ispira al concetto di crescita e trasformazione continua della natura. La sua forma a spirale, simile a un nastro che si avvolge verso l’alto, crea un senso di movimento e dinamismo, distinguendosi dalle strutture rettilinee che dominano lo skyline della città.

Merdeka 118 a Kuala Lumpur, Malesia

Svettante sul vivace paesaggio urbano di Kuala Lumpur, in Malesia, il Merdeka 118 è un faro di innovazione architettonica, sostenibilità e orgoglio culturale. Questo magnifico grattacielo, progettato dallo studio australiano Fender Katsalidis Architects, è attualmente l’edificio più alto del sud-est asiatico e il secondo al mondo dopo il Burj Khalifa, raggiungendo l’impressionante altezza di 679 metri (2.227 piedi). Nonostante le dimensioni, i crediti della torre in termini di sostenibilità sono impressionanti, con un triplo platino verde.

Il design della Merdeka 118 si ispira agli intricati disegni e motivi dell’artigianato tradizionale malese, in particolare al “songket”, un tessuto ricco e vibrante tessuto con fili d’oro. Questa ispirazione è evidente nella forma graziosamente curva della torre, che ricorda un fiore che sboccia, e nella sua intricata facciata geometrica, che ricorda i tessuti intrecciati.

Casa famiglia abramitica ad Abu Dhabi, EAU

L’Abrahamic Family House è un complesso interreligioso unico e innovativo situato sull’isola di Saadiyat ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti. Progettata dal famoso architetto britannico Sir David Adjaye, questa straordinaria struttura ospita gli spazi di culto delle religioni abramitiche – una moschea, una chiesa e una sinagoga – tutti affiancati in un abbraccio armonioso di diversità e unità. Ogni casa di culto mantiene la propria identità architettonica unica, riflettendo le ricche tradizioni e il simbolismo della rispettiva fede. La moschea presenta intricati schermi a traliccio, noti come mashrabiya, che filtrano la luce del sole e creano un senso di tranquillità. La chiesa presenta vetrate colorate e un soffitto a volta, mentre la sinagoga incorpora motivi tradizionali ebraici, come la stella di Davide e la menorah.

Team editoriale dormakaba

Team editoriale dormakaba

dormakaba è una delle tre principali aziende di soluzioni per il controllo degli accessi e la sicurezza sul mercato globale.