Categorie Architettura

Architettura centrata sull’uomo: che cos’è e come può fare la differenza

Human, Person, Airport

Mentre gli edifici soddisfano i bisogni umani più elementari come il riparo e la sicurezza, l’architettura influenza lo stato emotivo di qualsiasi persona che interagisce con essa. Che sia voluto o meno, un edificio può provocare una serie di emozioni come l’appartenenza, lo stupore, la paura o la speranza.

Tuttavia, non sono solo le emozioni che l’architettura può influenzare. Gli esseri umani, come la maggior parte degli altri mammiferi, sono molto sensibili alle loro condizioni ambientali. Così, un crescente gruppo di ricerche dimostra che l‘architettura e il design urbano creano risposte fisiologiche nelle persone che possono promuovere la salute e il benessere a lungo termine, e in alcuni casi, la malattia o il disagio mentale.

Per esempio, uno dei risultati meglio documentati di questi studi è che l’esposizione al verde e alla natura migliora notevolmente la salute, aiutando le persone a vivere una vita più lunga e più felice. D’altra parte, gli spazi angusti e l’ambiente poco stimolante sono noti per determinare il contrario.

L’architettura incentrata sull’uomo, che pone l’uomo al centro del processo di progettazione, cerca di ottimizzare le interazioni positive in quanto tale tra l’uomo e gli edifici.

Cos’è l’architettura centrata sull’uomo?

L’architettura centrata sull’uomo non è una tendenza, uno stile o una metodologia, ma un approccio basato su soluzioni che hanno l’obiettivo di ottimizzare il rapporto tra le persone e gli edifici per soddisfare le esigenze di una comunità. Gli edifici progettati con questa ricerca creano soluzioni per i problemi e le opportunità concentrandosi sui bisogni, i contesti, i comportamenti e le emozioni delle persone.

Mentre l’approccio incentrato sull’uomo è sempre stato parte integrante del lavoro di molti designer e architetti, la terminologia è stata coniata ufficialmente in una pubblicazione del 1987 intitolata Human-Centered Systems dall’ingegnere irlandese Mike Cooley. Da allora, il design e l’architettura incentrata sull’uomo hanno continuato a dare potere alle comunità di tutto il mondo come un pilastro significativo per realizzare l’uguaglianza globale.

L’empatia e l’innovazione sono al centro dell’architettura incentrata sull’uomo. Come dice il dottor Prabhjot Singh, direttore del Systems Design presso l’Istituto della Terra, “Passiamo molto tempo a progettare il ponte, ma non abbastanza tempo a pensare alle persone che lo attraversano”.

Architettura centrata sull’uomo: prendersi cura delle comunità, risolvere i problemi

Tuttavia, le innovazioni architettoniche per cambiare la vita delle comunità non sono solo buone intenzioni, ma anche una solida ricerca e analisi. Costruiti su concetti di etnografia, sociologia e psicologia cognitiva, i progetti architettonici di successo incentrati sull’uomo sono il risultato di una comprensione olistica dei loro utenti.

“Si tratta di loro e per loro. Più si analizzano e si risponde alle esigenze degli utenti finali, più l’adozione o l’acquisto di una soluzione ha successo. Si agisce fino a quando non si ottiene il giusto risultato dal punto di vista del cliente. Questo è il potere del [design incentrato sull’uomo]”, dice Oliver Delarue dell’Alto Comitato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Attraverso l’empatia, le informazioni preziose e il pensiero critico, l’architettura incentrata sull’uomo può affrontare alcune delle sfide più significative del mondo.

“È un momento d’oro quando si vedono cose che non esistono ancora”, Marvin J. Malecha, presidente della New School of Architecture and Design, definisce il design incentrato sull’uomo.

Case #1: soluzioni progettuali speciali per vivere con il Parkinson

Il successo dei progetti architettonici centrati sull’uomo non si misura in base alle loro dimensioni o al loro fascino, ma in base al valore aggiunto che offrono alla vita quotidiana dei loro utenti. Quindi, qualsiasi cosa, da una toilette ecologica in un’area rurale e sotto-risorsa a una struttura sanitaria all’avanguardia può essere un eccellente esempio di architettura incentrata sull’uomo.

Mileha Soneji, un designer indiano, ritiene che le soluzioni semplici siano spesso le migliori. Nel suo intervento di TED intitolato “Semplici hack per la vita con il Parkinson”, descrive come ha progettato una casa per suo zio con questo disturbo caratterizzato da tremori e sfide continue di equilibrio: “Mio zio” vive al primo piano dell’edificio e deve salire le scale. Il suo edificio non aveva un ascensore, né un montascale, quindi mi sono chiesta: come ha fatto a salire le scale? Ho fatto questa domanda a mio zio e lui mi ha risposto: “È facile, lasciate che ve lo mostri””.

Quando Soneji lo seguì e studiò il suo comportamento, si rese conto che suo zio camminava molto più facilmente sulle scale che su un terreno pianeggiante. La facilità di salire le scale contro la sfida dell’andatura in pianura è un’esperienza comune per le persone affette da Parkinson. Soneji ha definito questa “illusione delle scale”.

Così, dopo aver camminato nei suoi panni, se n’è uscita con modi semplici ma potenti per aiutare lo zio: “Nel momento in cui ho visto mio zio scendere le scale, mi sono chiesta: se le scale vere funzionano, funzionerebbe l’illusione stampata di una scala su un pavimento piatto? Così sono andata subito a casa e ho stampato dei fogli A3 e li ho intonacati insieme per creare una scala. L’ho creato facilmente per testarlo rapidamente con mio zio per vedere se funzionava e per definire la scala esatta”.

Case #2: rivivere i migliori ricordi con l’architettura centrata sull’uomo

Tuttavia, a seconda delle esigenze degli utenti o delle comunità, alcuni progetti architettonici centrati sull’uomo non sono necessariamente così semplici come i progetti di Soneji per suo zio.

Nel caso di The Lantern, una comunità di residenti assistiti in Ohio, gli architetti hanno adottato un approccio molto più dettagliato per servire i cittadini anziani affetti da demenza e Alzheimer.

Hanno progettato i centri per assomigliare a un tipico quartiere degli anni ’30 e ’40, le epoche in cui la maggior parte degli abitanti di The Lantern sono diventati maggiorenni. Il “quartiere” è completo di portici, sedie a dondolo, tappeti erbosi e un soffitto in fibra ottica che passa dal giorno al cielo notturno.

“Il progetto è destinato, in parte, a connettersi ai pazienti affetti da Alzheimer che spesso conservano i ricordi dei primi decenni di vita, anche quando lentamente perdono pezzi degli anni successivi”, dice Jean Makesh, l’amministratore delegato di The Lantern.

Questo ambiente che avvolge i residenti con comodità e familiarità dimostra di ridurre l’ansia, l’irritabilità e la depressione – esperienze comuni per chi convive con demenza e Alzheimer.

Un approccio umano alle sfide complesse del futuro

Mike Cooley, padre della terminologia “centralità umana” alla fine degli anni Ottanta, si è interrogato sul valore dei progetti architettonici sfarzosi che offrivano poco valore alle comunità.

Senza strumenti che non siano i loro corpi, le api costruiscono nidi e alveari che ancora oggi affascinano gli scienziati. Nel suo lavoro, “Architect o Bee? “Cooley sostiene che anche con la tecnologia più avanzata, un architetto non può produrre quello che fa un’ape. Così, egli sottolinea l’importanza di un design semplice e focalizzato sull’uomo.

Di conseguenza, data la sua forza di valore, la sua scalabilità e la sua resistenza, non c’è dubbio che il futuro dell’architettura sia un futuro incentrato proprio sull’uomo.

lisacruciani

lisacruciani

Managing Editor del blog italiano di dormakaba e Responsible Communication per dormakaba Italia.