Categorie Sicurezza

Industria farmaceutica: 3 rischi specifici per la sicurezza e come superarli

Industria farmaceutica

L’industria farmaceutica, che sviluppa ogni anno nuovi farmaci per migliorare la vita di miliardi di persone in tutto il mondo, è una risorsa fondamentale per la vita umana e l’economia globale. Grazie alla globalizzazione, ai progressi tecnologici e alle innovazioni della catena di approvvigionamento, l’industria farmaceutica può ora servire più persone che mai. Tuttavia, mentre l’industria si sforza di sradicare ed eliminare le malattie che ci circondano, anche le sue esigenze di sicurezza stanno diventando sempre più complesse.

Dai laboratori agli impianti di produzione, le industrie farmaceutiche hanno tutte un profilo di rischio unico e certamente affrontano sfide di sicurezza specifiche. Una volta che un prodotto è fuori da una fabbrica, potrebbe essere molto più difficile controllare ciò che accade. Pertanto, è importante per le aziende farmaceutiche controllare il rischio di sicurezza dove possono – nei loro siti e nelle loro fabbriche e uffici.

Di seguito uno sguardo ai rischi di sicurezza più comuni nell’industria farmaceutica, con alcuni suggerimenti per ridurli e limitarli.

Furto, contraffazione e frode

industria farmaceutica, videosorveglianza
È importante per le aziende farmaceutiche controllare il rischio di sicurezza dove possono – nei loro siti e nelle loro fabbriche e uffici.

Il furto e la contraffazione sono le principali preoccupazioni di sicurezza per la maggior parte dei dirigenti dell’industria farmaceutica. Il furto può avvenire sia fisicamente che digitalmente e può essere causato sia da un insider che da un outsider – così come la collaborazione e la sinergia del loro lavoro.

Mentre il furto di merci è il più comune, questa minaccia alla sicurezza può anche manifestarsi in altri modi, come un attacco fisico a un edificio o la fuga di informazioni riservate, dai dati sanitari ai risultati di ricerche sensibili. Quindi, la contraffazione può verificarsi come risultato di violazioni della sicurezza in quanto tale.

Secondo McKinsey, la perdita dovuta ai farmaci contraffatti è di circa 70 miliardi di dollari di entrate. Ancora più importante, questi farmaci contraffatti devastano migliaia di vite ogni anno. Le organizzazioni criminali internazionali giocano il ruolo più importante nella produzione e vendita di farmaci contraffatti. Tuttavia, in alcuni casi anche gli stessi dirigenti all’interno delle aziende farmaceutiche possono essere coinvolti nel “pharma fraud” e impegnati nella produzione, commercializzazione e distribuzione illegale di farmaci.

Eliminare le opportunità di rischio per la sicurezza

I rischi per la sicurezza affrontati dalle aziende farmaceutiche sono complessi e richiedono il coinvolgimento di regolamenti e autorità internazionali e governative. Tuttavia, è dovere di ogni azienda del settore ridurre e mitigare questi rischi. Per cominciare, per anticipare queste minacce, le aziende devono tenersi aggiornate con le tecnologie emergenti, adottando un approccio di sicurezza olistico e integrato.

 C’è un flusso di prodotti che arriva da ogni parte, ci sono così tanti hub…

  Aline Plançon, agente dell’Interpol, a proposito dei farmaci contraffatti.

In effetti, in un settore come quello farmaceutico dove c’è un alto flusso di merci e di persone, le soluzioni di controllo degli accessi ottimizzate per il profilo di rischio di ogni azienda possono alleviare il peso dei security manager. Uno studio della Harvard Kennedy School raccomanda inoltre lo screening e il monitoraggio del personale per prevenire i furti dall’interno e per limitare l’accesso alle aree con informazioni o materiali sensibili, oltre all’installazione di sistemi di videosorveglianza.

Come possono le aziende farmaceutiche ridurre i rischi di sicurezza in loco?

tornelli, varchi di sicurezza
È imperativo per le aziende farmaceutiche controllare e gestire l’accesso ai loro uffici, laboratori e ai siti produttivi.

Il primo passo per ridurre i rischi di sicurezza in loco è quello di bloccare l’accesso non autorizzato allo stabilimento, e garantire la sicurezza perimetrale. Le tecnologie applicate nella sicurezza perimetrale includono recinzioni, barriere, guardie, sorveglianza, meccanismi di autenticazione fisica, badge, scanner biometrici, pattuglie di sicurezza e cancelli – in particolare, tornelli.

È anche imperativo garantire un alto livello di sicurezza e controllo all’interno degli stabilimenti, attraverso sistemi di controllo degli accessi. La combinazione e l’integrazione del controllo degli accessi fisici, della videosorveglianza e dei sistemi di allarme permettono la protezione ottimale dei dati sensibili di un’azienda farmaceutica. Inoltre, queste soluzioni contribuiscono anche alla tracciabilità dei dati in conformità con i protocolli di integrità dei dati per il mercato farmaceutico, che è essenziale nei processi di produzione, nei laboratori e nei reparti di ricerca e sviluppo.

Proteggere il business, il marchio e la salute globale

Adottando le giuste strategie per limitare i rischi di sicurezza fisica, le aziende farmaceutiche possono salvaguardare le attività sensibili di ricerca e sviluppo, così come tutti i loro segreti commerciali, regolando l’accesso a zone specifiche all’interno delle strutture. Oltre alla tecnologia, l’adesione a organizzazioni come The International Anti-Counterfeiting Coalition e The Pharmaceutical Security Institute può aiutare le aziende a promuovere una cultura della sicurezza.

Limitare le opportunità di violazioni della sicurezza può aiutare i leader farmaceutici del futuro a proteggere il loro marchio, la reputazione, il profitto e la salute globale.

Lisa Cruciani

Lisa Cruciani

Managing Editor del blog italiano di dormakaba e Responsible Communication per dormakaba Italia.